News & Media

Retail: tre idee per andare avanti nella giusta direzione

Intervista a Mario Maiocchi, AD di Leader Price Italia

Abbiamo incontrato Mario Maiocchi, Amministratore Delegeto di Leader Price e relatore al prossimo Fourum Retail.

Su quali asset si muoverà la competizione del retail nei prossimi 5 anni?
Oltre ai fondamentali del Retail: assortimento, prezzo e presenza prodotto, che non bisogna mai dimenticare, gli asset che potranno fare la differenza nel prossimo futuro ritengo siano:
▪ O2O (Offline to Online) ovvero trovare il proprio posizionamento nell’ormai continuo flusso offlineonline.
Ogni insegna, in base alle proprie caratteristiche di offerta, di merceologia e di mercato di riferimento, dovrà trovare il suo posizionamento strategico ideale, tenendo presente che il fisico ed il digitale tenderanno ad essere in ogni caso sempre più integrati.
▪ Logistica e servizio post sale. Il trend in fortissima crescita delle consegne a domicilio e della necessità di ridurre stock e spazi sui punti vendita richiede la capacità di poter rendere disponibile un prodotto sia a domicilio del cliente sia in store in tempi brevissimi. Tale capacità supporterà inoltre
l’offerta della coda lunga e di prodotti personalizzati: altri elementi in crescita nella domanda del cliente.
▪ Retail Brand. L’ampliamento dell’offerta e il moltiplicarsi dei punti di contatto con il cliente favoriranno quei retailer che potranno offrire servizi ampi abbinati a una forte brand image così da diventare idealmente il punto di riferimento preferito e naturale per il cliente. Per fare un esempio quando si
pensa alla ricerca di un’informazione si pensa a Google, altrettanto, in caso di necessità di un prodotto o un servizio, il pensiero dovrebbe andare subito alla propria insegna di riferimento.


Consulenza in store, apertura 24 /7, consegna in giornata, tecnologie in-store: il mercato della GDO è profondamente cambiato negli ultimi anni. Come Leader Price Italia si distingue dai competitor e come si è costruita un’identità forte e riconoscibile, seppure da poco presente sul mercato italiano?
Leader Price fa della semplicità uno degli assi portanti della propria customer experience. Come tale anche la strategia è semplice e si basa su quattro pilastri fondamentali:
▪ Qualità dell’offerta: i prodotti a marchio LP portano il nome dell’insegna quale garanzia di elevata qualità sia organolettica sia sotto il profilo della sicurezza alimentare.
▪ Convenienza: LPI desidera offrire il miglior rapporto qualità prezzo sul mercato, garantendo prezzi bassi sempre
▪ Offerta ampia: LPI offre un assortimento più ampio rispetto agli altri operatori del canale discount permettendo al consumatore di soddisfare le proprie necessità con una scelta ampia ma mai ridondante
▪ Semplicità della spesa: il layout; la comunicazione in-store; l’assortimento ampio e mai ridondante; e, in generale il merchandising rendono l’esperienza di acquisto piacevole, veloce, semplice.


A suo avviso quali sono i trend più significativi del settore?
I trend più rilevanti ritengo siano:
▪ La crescita fortissima dell’eating out/food delivery/ready to eat segno di modifiche profonde nella struttura sociale (meno famiglie più single o giovani coppie) e nei modelli di consumo.
▪ L’ attenzione alla salute e benessere, di qui una forte attenzione al bio, agli integratori, alla tracciabilità dei prodotti.
▪ L’apprezzamento di servizi complementari: spedizione a casa, ordine via web e pick-up in store, pagamenti veloci, orari di apertura estesi. Di qui la menzionata rilevanza strategica di un’accorta politica omnicanale.

Il Dr Maiocchi prenderà parte alla sessione plenaria di apertura del secondo giorno di Forum Retail e interverrà nella tavola rotonda "Brand journey 2023: la roadmap si gioca tra ricerca del prodotto, sostenibilità e omnichannel excellence" con Bernadette Bevacqua - Presidente e Amministratore Delegato Henkel Italia moderati da Gigi Beltrame - Direttore BusinessCommunity.it